Home Page MotoGatti.it
EUautopezzi.it
> Benvenuto, visitatore
Devi Registrarti per poter avere pieno accesso al sito

 Vedi Utenti con foto

Nome utente

Password


ricorda  si  no



Ci sono 9 utenti online:
0 membri e 9 visitatori
Spider Crawl , Spider Robot , GoogleBot

 Meteo per domani
Clicca per vedere le previsioni per i prossimi 4 giorni in Italia

> Ultime Discussioni
Beppe @ 01-1-17 17:39
Visite: 1.118   Risposte: 1
francesco1098 @ 06-7-16 21:39
Visite: 1.388   Risposte: 0

www.auto-doc.it

 Festa Del Gatto - 17 Febbraio
Festa del gatto - 17 febbraio


Immagine non Disponibile


Dalla giornalista e gattofila Claudia Angeletti, la quale, attraverso le pagine della rivista "tuttogatto", ha promosso un referendum tra i lettori per scegliere il giorno dell'anno più consono a festeggiare questo nostro straordinario amico. Sono state proposte molte date, tra cui vogliamo ricordare, il 26 maggio dedicato a San Filippo Neri (che tanto amava i gatti) e il 21 marzo perché a primavera nascono i gattini, segno della vita che si rinnova. Ma la data scelta è stata quella del 17 febbraio proposta da Oriella Del Col, con le seguenti motivazioni:

febbraio perché è il mese posto sotto il segno zodiacale dell'acquario, a cui appartengono gli spiriti intuitivi, liberi e anticonformisti, come solo i gatti sanno esserlo.

Per quanto riguarda il giorno 17, è stato appositamente scelto per sfatare tutti i miti che hanno accompagnato la storia di questo felino.

17 nel bacino del mediterraneo, soprattutto presso i popoli di origine latina (spagna, francia e italia) questo numero è considerato sfortunato perché in numeri romani il 17 si scrive: "xvii" che anagrammato diviene "vixi" cioè "sono vissuto, sono morto"

Ma il gatto con le sue sette vite può dire di aver vissuto, ma di non essere morto e d'avere esorcizzato così la morte. nel nord europa invece, questo numero ha un valore positivo che significa, tra l'altro, vivere "una vita per sette volte". Ed anche in questo caso calza a pennello al gatto.

Si è voluto così ripristinare una tradizione molto antica. Ad esempio, in Egitto, si adorava la dea bastet, divinità dal corpo umano e dalla testa di gatta, associata alla gioia, alla musica, alla sensualità e alla danza. Una volta all'anno numerosissime persone si riunivano presso il delta del nilo per festeggiarla. tra i celti, ai piedi dei menhir, si svolgevano cerimonie sacre, alle quali partecipavano i gatti come tramite tra cielo e terra. inoltre nei culti pre-colombiani, in onore del mese pax, associato al felino sacro, si tenevano spettacolari feste.

Ma anche ai nostri giorni ci sono paesi che ricordano il nostro amico a quattro zampe. Ad esempio in india, ogni sei mesi si festeggia, come simbolo dell'amore e della maternità, la dea sashti che cavalca un gatto bianco. Nel tempio di nikko, in giappone, il celebre gatto dormiente riceve tuttora offerte da turisti e fedeli.

Tornando al nostro paese, nel 1991 l' a.m.a. (associazione del mondo animale) a firenze e il club del gatto a roma hanno celebrato la festa nazionale del gatto ottenendo dalle poste, per l'occasione, l'annullo filatelico. Da quell'anno le due associazioni stampano una cartolina commemorativa usando dei disegni donati da artisti gattofili. Dallo stesso anno, monsignor canciani, a roma, ha istituito per quella data, una messa con la benedizione dei gatti e dei loro compagni umani.

A firenze ogni anno viene organizzata "gattart" una mostra collettiva di pittori specializzati in gatti. L'eco delle manifestazioni si è diffuso a macchia d'olio e negli anni seguenti genova, trieste, parma, milano e perugia hanno deciso di festeggiare la ricorrenza con varie iniziative. Ma di anno in anno altre città si aggiungono all'elenco, desiderose di dedicare un giorno all'anno al dolce amico che ci dona tanta gioia e buonumore!



Storia del gatto: la rinascita con l'illuminismo

In francia e in inghilterra divenne alla moda possedere un gatto, soprattutto fra i nobili e gli intellettuali. Con l'illuminismo rinasce il rispetto per gli animali in generale, e con lo studio delle malattie infettive, il comportamento del gatto, sempre dedito alla pulizia del mantello e dall'aspetto mai sporco, ne hanno fatto un animale particolarmente apprezzato. In alcune regioni d'europa l'uccisione volontaria di un gatto divenne reato e in alcuni diritti fondiari, di questo periodo, venne addirittura dichiarato utile, se non obbligatorio, possedere un gatto nelle tenute agricole.
Anche leonardo da vinci dedicò molta della sua attenzione al comportamento del gatto, lasciando appunti e disegni. Il cardinale Richelieu fu noto per le sue attenzioni e per il suo amore verso i gatti.
Nel 1871, a londra si tiene la prima mostra felina e, nel 1935 a torino, la prima mostra felina italiana.


Gatto & altre culture

Nella cultura Buddhista al gatto, insieme al serpente, si rimprovera di non essersi commosso davanti al buddha.
In Cina era considerato benefico e veniva mimato nelle danze agrarie (granet).
In India rappresentava kramrisc, ossia “la beatitudine del mondo animale. Infatti troviamo molte statue di gatti asceti che la rappresentano.
Nell’antico Egitto era venerato sotto l’aspetto del gatto divino, dea baster, benefattrice e protettrice dell’uomo.
Troviamo anche numerose opere d’arte che la rappresentano con un coltello in una zampa, mentre taglia la testa al serpente apophis, il drago delle tenebre. Il gatto rappresenta in questo caso la forza felina al servizio dell’uomo.
Nella tradizione Celtica questo animale è stato considerato cenn chaitt, testa di gatto; col soprannome dell’usurpatore cairpre che, occupando il potere supremo, causò la rovina dell’irlanda.
Nel Galles uno dei tre flagelli dell’isola di anglesey è un gatto abbandonato dalla scrofa mitica henwen (bianca-vecchia).
Nella tradizione il gatto scritto qatt è piuttosto favorevole tranne se è nero.
In Persia quando si tormenta un gatto nero si rischia di avere a che fare, sotto questa apparenza, con il proprio hemzad (genio nato insieme all’uomo per tenergli compagni e di nuocere così a se stesso).
Secondo altri è uno spirito malefico che bisogna salutare quando entra di notte in una camera. A volte il gatto è ritenuto un servo dell’inferno.
I Nias di Sumatra ritengono che il gatto aiuti a scagliare le anime colpevoli nelle acque infernali.
Per gli Indiani d’America del nord, il gatto selvatico è un simbolo di destrezza, di riflessione e di ingegnosità, osservatore e furbo.
In Grecia si credeva che il gatto fosse stato creato da artemide. Artemide non rappresenta una donna come le altre: è una cacciatrice dai tratti mascolini che evitava le compagnie maschili; è anche conosciuta con il nome di ecate (la dea degli inferi-plutone) e diana (la dea selvaggia della caccia-marte); è la dea delle foreste e degli animali selvatici, sorella di apollo. Artemide ed apollo erano fratelli gemelli ed ambedue associati alla morte - Apollo era ritenuto causa della morte improvvisa degli uomini ed artemide di quella delle donne. Artemide aveva una natura spietata, associata alla vita selvaggia, era considerata una dea pericolosa. In un mito romano diana-artemide assume la forma di un gatto.

(fonte: clicca)


Immagine non Disponibile.

Immagine non Disponibile

Immagine non Disponibile



gattobye.gif
 
Scritto da: ConteMario
il, 17 febbraio 2009, 18:34

 Foto random - Abbiamo 6612 foto viste 734136 volte in 87 albums e 769 commenti
MotoGatti_Pista_Binetto_30_06_06_031.jpg Gole_del_Bussento_Morigerati_30_03_2008_DSCN3510.jpg MotoGatti_Sardinia_Felix2_30_04_05_05_2008_S6300452.jpg MotoGatti_Sardinia_Felix_22-25_04_06_000010.jpg

[ DB Queries: 10 ] [ Execution Time: 0,1807 ] Made in STUDIO109